HOME | MAPPA DEL SITO | INTRANET | CONTATTO |
Top 5 articoli più letti nella scorsa settimana
Occasioni viste: 410
Preghiera per chiedere la sua intercessione
Occasioni viste: 314
Novena all’Amor Misericordioso
Occasioni viste: 113
Informazioni per i pellegrini
Occasioni viste: 83
La vita di Madre Speranza
Occasioni viste: 50
Testamento spirituale di Madre Speranza

Home » MADRE SPERANZA » La sua vita » Lo sbocciare di una vita


Lo sbocciare di una vita

Il profumo inebriante dei fiori di arancio (zagara) nell’orto murciano forse invase l’aria quel 30 settembre 1893 che vide nascere la piccola Giuseppa Alhama Valera.

Maggiore di nove fratelli, di famiglia molto povera, nasce in una baracca del Siscar, nel Comune di Santomera – Murcia (Spagna). Fu battezzata nella chiesa parrocchiale dedicata alla Vergine del Rosario. Suo padre, Giuseppe Antonio, era bracciante con poco lavoro in una terra, a volte arsa dal sole spagnolo di levante, e in quel tempo con scarsa irrigazione, e altre volte sommersa da catastrofiche inondazioni, che quasi sempre causavano qualche vittima umana.

Giuseppa cresce vivace e intelligente, giocherellona e birichina come tutti i bambini. Una bambina sveglia, attiva e dotata di una innata, straordinaria pietà. Le sue monellerie sono tipiche dell’età, anche se qualcuna già impregnata del soave profumo di santità. Tra i sette e gli otto anni la portano nella casa del parroco di Santomera e là viene educata dalle due sorelle del sacerdote, Agnese e Maria.

A nove anni, spinta dal grande desiderio di fare la prima Comunione, che a quel tempo si faceva a dodici anni, una mattina che celebrava la Messa un sacerdote forestiero, approfitta dell’occasione per “rubare” Gesù e incomincia con Lui una relazione d’intimità che durerà tutta la vita.



Articoli correlati della sezione La sua vita:


Religiosi Sacerdoti FAM
Religiosi Sacerdoti FAM
 
Home | Contatto | Mappa del sito | Registrazione | Registro Vocazionale Copyright ©2008- Famiglia dell' Amore Misericordioso
eXTReMe Tracker