HOME | MAPPA DEL SITO | INTRANET | CONTATTO |
Top 5 articoli più letti nella scorsa settimana
Occasioni viste: 539
Preghiera per chiedere la sua intercessione
Occasioni viste: 373
Novena all’Amor Misericordioso
Occasioni viste: 70
Informazioni per i pellegrini
Occasioni viste: 66
La vita di Madre Speranza
Occasioni viste: 44
Testamento spirituale di Madre Speranza

Home » MADRE SPERANZA » La sua vita » Le terribili guerre


Le terribili guerre

L’attività continua, ancora più intensa, quando nel 1936 scoppia la guerra civile in Spagna con tutti i drammi che portà con sé. In questo periodo la Madre fa il suo primo viaggio a Roma, accompagnata dalla fedelissima Pilar de Arratia, per iniziare anche lì, un intenso lavoro fra i poveri della periferia romana, sulla via Casilina.

Contemporaneamente deve difendersi davanti al Sant’Ufficio di accuse e diffamazioni sulla sua persona e sulla Congregazione appena nata. Pilar è il suo angelo difensore, la sua confidente e il suo migliore appoggio in questo momento tra i più duri della sua vita.

Mentre è a Roma, scoppia la seconda guerra mondiale, tra i bombardamenti e le minacce dei tedeschi, insieme alle suore accoglie bambini, nasconde profughi senza badare alle loro ideologie, cura i feriti dei bombardamenti, dà da mangiare a migliaia di operai e bisognosi in mense improvvisate, consola tutti.

L’attività caritativa a Roma raggiunse livelli difficilmente credibili. Pranzi miracolosi in grande quantità per i poveri, migliaia di persone che accorrono per ripararsi con la persona della Madre quando l’allarme annuncia i bombardamenti e questa donna spagnola che prende ago e filo e una bacinella d’acqua pulita e lava le viscere, cuce le ferite, ricompone i corpi mutilati, promette con forza la sopravvivenza e la guarigione.

Nell’agosto del 1944 muore Pilar, lasciando un vuoto enorme nella sua vita. Superata questa prova, riprende le attività, i viaggi, le nuove iniziative.

Il dopo guerra è duro, sia in Italia che in Spagna; sono tante le ferite da curare e lei lavora, incoraggia, organizza con ritmo instancabile. Per l’anno santo del 1950 è completata la Casa generalizia di Roma per accogliere i pellegrini di quell’anno e degli  anni successivi. Vanno sorgendo, via via, nuove fondazioni in Italia: Todi, Gubbio, Pavia, Genova, Vazzola, Borsea, Francenigo, Perugia, Rieti, Col fosco, Fratta Todina.



Articoli correlati della sezione La sua vita:


Pozzo e piscine
Pozzo e piscine
 
Home | Contatto | Mappa del sito | Registrazione | Registro Vocazionale Copyright ©2008- Famiglia dell' Amore Misericordioso
eXTReMe Tracker